2014 | Burano (ITA + EN)

0 comments


(ITA) Okay, cercherò di non piangere né correre a nascondermi in un angolo a chiedermi per quale motivo sia finita?
La realtà mi colpisce in faccia cosi duramente, ogni volta. E' gia passato un anno: eravamo a Venezia per celebrare il matrimonio di mia cognata e abbiamo avuto la geniale idea di riempire un pomeriggio noioso con una bella gita in barca verso Burano.
Miglior/peggior decisione mai presa: CI HO LASCIATO IL CUORE!


2014 | Lago di Como (ITA + EN)

0 comments


(ITA) Oggi voglio tornare al 1 maggio 2014, quando, alle 9 di mattina, io e il mio ragazzo abbiamo deciso di andare in gita sul Lago di Como.


2014 | Tropea (ITA + EN)

0 comments


(ITA) Vengo dalla parte Ionica della Calabria, quella con gioielli rari come la costa di Soverato che con la bassa marea riempie le sue battigie di resti storici come le vasche romane.
Ma oggi voglio parlarvi di Tropea, il più brillante gioiello del Tirreno.


Tropea vive ancora nel passato: ancora vestita coi suoi vecchi abiti, cammini nel centro su vecchie strade di pietra mentre il tuo naso non riesce a decidere se seguire il profumo dei fiori o quello salato del mare più blu che abbia mai visto (e in cui abbia mai nuotato).

  


Il simbolo di Tropea è la famosa cipolla rossa: dolce e saporita, se la provi non la abbandoni più.
Se visitate Tropea è d'obbligo la pizza con cipolla rossa e tonno o il gelato alla cipolla del mitico Tonino, gelataio vecchio stampo che produce ancora artigianalmente il suo gelato nel piccolo negozio nel centro della città. 

  


Quindi, comprate questo gelato e incamminatevi verso la famosa "balconata": al tramonto sarà piena di curiosi e vi chiederete cosa stiano cercando di vedere? Beh, se sarete abbastanza fortunati da trovare un cielo limpidissimo potrete assistere allo spettacolo del sole che cala e in lontananza potreste scorgere lo Stromboli.






Ogni angolo di questa città merita di essere visitato: dai balconi ricoperti di Bouganville alla moltitudine di negozietti con souvenirs fatti a mano.

Questa citta mi ha rubato un pezzo di cuore.

-

(EN) I come from the Jonian part of Calabria: there are such jewels like the coast of Soverato, with his historical rests lying on the beach that make an appearance when there is low tide.
But today I want you to discover with me Tropea, the most amazing and brilliant jewel of the Tyrrhenian sea.
Tropea still lives in old times: the buildings wear the same old dress, you can walk in the city center, on old cobblestones road, while your nose will struggle between the scent of flowers and the salty scent of the bluest sea I have ever seen (and in which I have ever swam).
The symbol of Tropea is the red onion: it has such a sweet and good taste that you won't come back again to use other onions in you dishes! 
If you'll head up to Tropea be sure to try the pizza with red onion and tuna fish and the delicious onion ice cream made by Tonino, a great ice-cream man that still makes home-made ice-creams and has a shop right in the center of the city. Pick up the ice-cream and walk to the famous "balcony": at sunset it will be plenty of curious. What do they want? They want to see the sun going down and if the sky is cloudless your eyes can even catch the Stromboli vulkan.

Every single part of this city needs to be seen: from balconies fully covered by big bush of Bouganville flowers to the moltitudes of little shops with handmade souvenirs.

This little city stole a piece of my heart, for sure.



2013 | Serre Calabresi (ITA + EN)

0 comments


(ITA) Le mie origini sono del sud Italia, vengo esattamente dalla Calabria. Questa regione è speciale per la sua posizione: puoi raggiungere il mare e la montagna in un batter d'occhio, passando da scenari salati e blu a paesaggi verdi e ombreggiati, cosi facilmente e velocemente da credere di viaggiare nel tempo.

Il primo anno in cui il mio ragazzo mi ha raggiunta in Calabria si è innamorato del mare, ma io volevo che vedesse anche le montagne e cosi, in una caldissima giornata, abbiamo deciso di fare una gita verso Serra San Bruno (Vibo Valentia).

Prettamente luogo di pellegrinaggi religiosi, Serra è famosa per la sua maggiore attrazione, la Chiesa di Santa Maria del Bosco, in cui San Bruno era solito pregare e costruita di fronte alla cripta in cui riposani resti del Santo.
Per raggiungere la Chiesa dovete percorrere una lunga scalinata...oppure prendere il sentiero alla sua sinistra (mi ringrazierete dopo!). Attorno all'edificio è un tripudio di sentieri da percorrere in mountain bike o a piedi, per respirare aria pulita e fresca. Vi è un piccolo ruscello e qualche fontana, collegate direttamente ad una sorgente di montagna.


In primavera ed estate c'è il boom di turisti e pellegrini: si possono comprare souvenirs al negozietto locale, lanciare una moneta nella fontana dove pregava San Bruno ed esprimere un desiderio, fare un picnic nei boschi oppure pranzare al ristorante vicino o prendere un caffé al piccolo bar.


Se avete raggiunto Serra San Bruno con la macchina potete usarla per dirigervi presso la Certosa di San Bruno, in cui vivono ancora i monaci Certosini. Per metà, l'edificio è stato adibito a museo, visitabile mentre si ascoltano i canti dei monaci tramite speakers.

E se alla fine del viaggio vi sentiste affamati, potete prendere la vostra auto e impostare il navigatore verso Spadola (Vibo Valentia) e prendere un tavolo al ristorante LA TAVERNA DEI BORBONI.
Noi siamo stati talmente fortunati da trovare porcini freschi nel menu. Ne abbiamo mangiato in ogni modo!


Spero che questo post vi abbia fatto venir voglia di visitare la Calabria...e Serra San Bruno!

-

(EN) I am from South Italy, exactly from Calabria. This region is special for his position: you can reach the sea or the mountains in the blink of an eye, changing from salty and blue landscapes to green and dark ones, so easily and rapidly that you could feel like travelling you're through time.
The first year that my boyfriend came to visit me in South Italy he felt in love with the sea, but I wanted him to see also mountains. Weather was too hot to stay at the beach so we decided to go for a trip to Serra San Bruno (Vibo Valentia).

It is mostly a religious place: the main attraction is the Church where San Bruno used to pray and it is placed in front of the crypt where the body of San Bruno rests. It is destination for thousands of pilgrims each year.
To reach the Church you need to take a long staircase...or a shortcut placed on its left side (you can thank me after).
Around the building is full of trails where to climb with a mountain bike or just walking to breath in fresh and clean air.
There is a little river and few fountains directly connected to the mountain wellspring.

In spring and summer there is plenty of tourist and you can buy local souvenirs at the souvenir shop, you can throw a cent in the fountain where San Bruno used to pray on his knees and make a wish, or you can have a picnic into the woods. There is also a little restaurant and a bar.

If you went by car or with touristic groups you may reach the Chartreuse of San Bruno, in which still resides Carthusians Monks. Half of the building has been used as museum that you can visit while hearing the Monks praying.

If at the end of this trip you are feeling hungry, take you car and drive to Spadola (Vibo Valentia) and take a table at the restaurant TAVERNA DEI BORBONI.
We have been lucky enough to find fresh picked porcini mushrooms so we eat lot of them in every way: with fresh handmade pasta, with meat and raw with parmesan.

I hope that this post gave you inspiration and that you're planning to visit Calabria and Serra San Bruno too!

Instagram

© onto the white. Design by MangoBlogs.